Ancora un tie break condanna i lagonegresi, che a Macerata sciupano letteralmente una gara che poteva chiudersi prima e con un successo. Avanti sul 2-1 nel quarto set la Geosat Geovertical non riesce a concretizzare un vantaggio importante sul 15-19 e si fa recuperare dai padroni di casa che così approfittano del contraccolpo psicologico dei biancorossi, facendosi sotto e andando a chiudere la gara al 5 set. Molto rammarico per i biancorossi che ritornano con un solo punto e tanto da rivedere.

Menghi Shoes in campo con la diagonale Partenio-Tiurin, Tartaglione e Nasari in banda, Franceschini e Bussolari al centro e Gabbanelli nelle vesti di libero. Geosat Geovertival risponde con Pedron-Boswinkel, Barreto e Del Vecchio schiacciatori, Calonico e Marra al centro Fortunato libero.

Primo set inizia bene per i lagonegresi che si portano in vantaggio sul 1-5 e costringono mister Bosco a chiamare il tempo. Ad andare a segno per i biancorossi è principalmente Boswinkel che sia a muro che in attacco mette giù palle pesanti(2-8). Dall’altra parte rispondono Tartaglione e Franceschini che sul 6-10 costringono Falabella a chiamare il tempo quando i lagonegresi subiscono un break di tre punti. Nel finale però il vantaggio è sempre in favore dei lagonegresi che se lo agggkiudicano con una certa facilità.

Secondo set arriva la reazione dei padroni di casa che risalgono la china e approfittano del servizio dei lagonegresi che non funziona e seppur e il set nonostante vada punto a punto viene vinto dai padroni di casa che si riportano in parità.

Terzo set si capovolge nuovamente la situazione e si torna in campo la stessa Geovertical vista all’inizio gara con Boswinkel sugli scudi e i lagonegresi conducono il set (9-13). Bosco chiama il tempo e al rientro il vantaggio dei lagongresi si dimezza  dal +7 al + 3 con Turin che trascina i suoi. Ma dall’altra parte del campo ci sono Pedron e compagni che non mollano e trovano nuovamente il vantaggio 14-19 con un tocco di prima proprio del palleggiatore biancorosso. Mantengono sempre le distanze i lagonegresi che nel finale non si fanno sorprendere e Calonico e compagni ritrovano il vantaggio nel computo dei set.

La scia positiva dei lagonergesi si fa sentire anche nel quarto set con subito tre punti messi a segno dai che costringono Bosco a chiamare il tempo. Al rientro sul 3-5 i lagonegresi si fanno recuperare dal solito Tiurin e i marchigiani trovano il vantaggio sul sesto punto , ma è sempre il solito opposto lagonegrese a farsi sentire e la Geosat e nuovamente in vantaggio (8-10). Al centro Marra sigla il 9-12 ma nella fase centrale del set i padroni di casa si rifanno sotto e ancora una volta i lagonegresi sciupano il vantaggio 14-18. Un break importante di 4 punti da parte della Menghi shoes permette agli uomini di Bosco di portarsi in pareggio sul 19-19 e cambiare completamente l’andamento della gara, il set è dei locali e ancora una volta serve il tie break. Ben presto si fanno sotto gli uomini di mister Bosco con Casoli e  Tiurin (7-4) e i lagonegresi non riescono a recuperare i tre punti di svantaggio. Sul 8-5 Falabella sceglie di far entrare Turano e quando il vantaggio è importante 9-5 il tecnico biancorosso chiama il tempo. Al rientro ancora troppi errori soprattutto al servizio condannano i lagonergesi , dall’altra parte della rete invece Tiurin, miglior realizzatore, sale ancora una volta sugli scudi e insieme e Casoli chiude il set.

MENGHI SHOES MACERATA: Franceschini 11, Nasari 12, Bucchi, Casoli 5, Miscio, Tartaglione 8, Condorelli, Molinari, Tiurin 28, Bussolari8 , Partenio 2 , Furiassi , Piazza, Gabbanelli (L). All: Bosco.

 

Geosat-Geovertical Lagonegro: Maccabruni , Fortunato (L), Calonico9 , Del Vecchio 10, Pedron 2, Boswinkel28, Turano 1, Di Coste, Maiorana, Sardanelli (L), Marra 9, Barreto12 . All. Falabella

 

Macerata  9 muri,  7 ace, 9 errori in battuta, 42% in attacco,  56% (70 %) in ricezione

Lagonegro 10 muri, 2 ace,  15 errori in battuta, 44% in attacco, 51% (38%)in ricezione

 

26’, 33’, 28’, 33’, 16’ tot 2h 16’

 

 16-25, 25-21, 18-25, 25-22, 15-9 

                 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *