Geosat Geovertical Lagonegro-Caloni Agnelli Bergamo 2-3

Geosat Geovertical Lagonegro: Fabi 13, Fortunato (L) , Maiorana , Amouah 9, Leone, Kindgard5 , De Paola , Holt 10 , Boscaini 16 , Giosa 2, Copelli 7 . All. Falabella

Caloni Agnelli Bergamo: Innocenti, Franzoni, Cargioli 10, Dolfo 17, Franzoni, Longo, Carminati11, Hoogerndoorn 19, Cioffi 1, Albergati , Jovanovic 1, Valsecchi 11. All. Graziosi

NOTE: Lagonegro Muri 13 , ace 4, errori in battuta 13, 38% in attacco ,in ricezione (29%) 54%;

Bergamo Muri 14, ace 5, errori in battuta 15, 46 % in attacco, in ricezione (21%) 49 %.
Durata set : 26’, 32’, 26’, 24’ 10’ TOT 1H, 58’

25-15, 23-25, 25-20, 14-25, 14-25

Arbitri: Autuori- Noce

E’ sempre il tie break a decidere le sorti tra Caloni-Agnelli Bergamo e Geosat- Geovertical in una gara giocata a tratti ad altissimi livelli da parte dei lagonegresi che come l’andata trappano un punto ai bergamaschi.
Falabella sceglie di schierare Kindgard in regia, Boscaini e Holt in banda, Amouah opposto, Fabi e Copelli al centro e Fortunato Libero.
Dall’altra parte della rete , tranne Pierotti a causa di una contrattura alla spalla, c’è la solita fomazione bergamasca con Jovanovic in regia e Hoogerndoorn opposto, Valsecchi Dolfo e Valsecchi e Cargioli centrali innocenti libero.
Inizia con il giusto approccio la formazione lagonegrese che si porta sul 11-6 con il fondamentale del muro che è insormontabile. L’attacco tocca percentuali del 42% e la ricezione è più del 50% con i ricettori che non fanno cadere facilmente palle a terra. Sul 17-8 mister Graziosi sceglie di far entrare Longo al posto di Jovanovic ma il vantaggio aumenta sempre di più a favore di lucani :si va vedere anche capitan Giosa che sigla il 20-11 e mister Graziosi sceglie di chiamare il tempo. I biancorossi per la prima volta in divisa nera, prendono il treno giusto e sembra inizialmente che non li fermi più nessuno. Chiudono il primo parziale e lasciano i bergamaschi con 10 punti di scarto.

Nel secondo parte meglio Bergamo e si porta a +3. Falabella è costretto a fermare il tempo. Al rientro sul rettangolo di gioco sono sempre gli ospiti ad incrementare il vantaggio (1-5). I biancorossi si rimettono in carreggiata con Boscaini all’attacco, lo scarto si riduce a uno (5-6). Con Amouah al servizio Fabi alza il suo muro è parità sull’ottavo punto. Copelli sigla la seconda parità del match sull’undicesimo. Nelle fasi centrali, è sempre il muro lagonegrese a dare i suoi frutti, arriva il primo vantaggio proprio con due muri consecutivi di Fabi(17-15). Coach Falabella sul (17-18) chiama i suoi a rinfrescarsi le idee. Fabi e Kindgard al rientro in campo non lo deludono e alzano la serranda. Si va avanti punto a punto. Sul (20-21)doppia sostituzione tra le file biancorosse Holt per De Paola e Boscaini scambia con Maiorana. Il pubblico del PalAlberti fa sentire il suo calore. Nelle battute finali sale la tensione per la Geosat-Geovertical, un video check decreta (20-22) per Bergamo successivamente un cartellino rosso porta il (21-23 sempre per i lombardi . Un secondo video check chiamato da coach Graziosi, assegna il punto e il set alla Caloni.

Si riparte per il terzo set la Geosat-Geovertical con un energico + 4 (5-1). La Caloni costretta a rincorrere è messa alle strette dai biancorossi. Graziosi sul (9-3) ferma il tempo. Gli uomini di Falabella continuano a macinare punti (14-5) sono inattaccabili in tutti i punti del campo e non lasciano passare niente agli avversari. La carovana biancorossa va avanti con il suo gioco (18-9), i bergamaschi recuperano qualche punto nella fase centrale (20-15). Falabella chiama il tempo, lo segue Graziosi quando il tabellone registra (23-19). Esce Copelli per Leone. Il muro lucano continua ad essere decisivo per la Geosat-Geovertical che con tre dei suoi uomini sotto rete le permette la conquista del terzo parziale.

Inizia Fabi in battuta nel quarto, è in equilibrio 3 a 3, poi è Bergamo a scappare a + 3, entra capitan Giosa per Copelli, la squadra lucana non è continua e nel quarto lascia troppi spazi a suoi avversari, si è spento qualcosa gli ospiti sono avanti (4-12). Falabella mescola le sue pedine con una doppia sostituzione entrano Maiorana e Leone, ma il gioco non cambia di molto sono ora i bergamaschi a +10 (8-18). Rientrano Amouah e Kindgard, errori in battuta di Fabi e Boscaini la Caloni continua a scappare di mano ai biancorossi (11-21). È facile chiudere i conti con uno svantaggio smisurato. È parità sui parziali. Ci vorrà un tie break decisivo.

Con Cargioli al servizio Bergamo va in vantaggio + 5. Sul (0-6) esce Kindgard entra Leone. È sempre il centrale della Caloni che fa registrare 8 lunghezze di vantaggio. Si è spento qualcosa nel gioco lucano, i ragazzi di Falabella sembrano smarrirsi. Nel entra nessun attacco nel campo avversario (3- 13). Il muro si gretola e la Caloni conquista i due punti in terra ospite.
“C’è da salvare una grande prestazione – dichiara mister Falabella- purtroppo negli occhi restano gli ultimi due set che sono stati giocati veramente molto male da parte nostra, con una grande pallavolo nel primo nel secondo e soprattutto nel terzo, giocato benissimo. I meccanismi funzionavano tutti dopo abbiamo cominciato a soffrire molto in ricezione e non siamo più riusciti ad andare a terra e in attacco come abbiamo fatto nei set precedenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *